Il Timilia è un grano duro antico siciliano. Molto caratteristico il suo profumo, in più è una farina con pochissimo glutine per cui molto digeribile, per trarne beneficio delle sue proprietà, però la farina deve essere consumata entro 4 mesi dalla macinatura, per cui nei sacchetti vedrete sempre scadenza a breve per garantirne la qualità 😉
Pane di semola di grano duro fatto in casa con grano Timilia con lievito Madre secco

Pane di Semola Timilia

Ingredienti:

500 g di grano Timilia di Castelvetrano
350g di acqua
12 g di sale
1 busta di 30 g di lievito madre secco (80% lievito madre 20% lievito di birra biologico)

Procedimento

  1. La sera prima: In una ciotola sciogliere il lievito con un po di acqua e iniziare a impastare, aggiungiamo la farina e l’acqua, continuare a impastare
  2. quando inizia a inglobarsi tutto, aggiungiamo il sale e continuare a lavorare l’impasto, continuiamo a lavorare l’impasto sul tavolo fino ad ottenere un composto liscio ed elastico
  3. rimettiamo l’impasto nella ciotola, coprire con la pellicola e mettere a riposare a temperatura ambiente per tutta la notte, se fa troppo freddo o troppo caldo mettete la ciotola in forno spento, in questo modo non avrà sbalzi e avrà una temperatura costante
  4. L’indomani mattina: Munitevi di un cesto per la lievitazione come quello della foto accanto. Spolverizzatelo con abbondante farina di semola, sia le pareti che la base

  5. spolverare con abbondante farina il tavolo, scaravoltiamoci l’impasto aiutandovi con un tarocco o spatola
  6. sgonfiamo l’impasto e richiudiamo i 4 lati su se stesso, sgonfiarlo ancora e arrotolarlo, girare l’impasto di 45 gradi e ripiegare di nuovo su se stesso, risgonfiare e arrotolarlo di nuovo ottenendo una palla, giriamola sul tavolo (guarda il video)
  7. formata la palla, mettiamo la parte liscia sul fondo del cesto e la chiusura in alto, copriamo con il telo in dotazione e mettiamo riposare un paio di ore a temperatura ambiente se fa caldo, oppure in forno spento con una pirofila di acqua bollente sul fondo del forno, deve riposare fino al raddoppio

La Cottura

  1. quando il pane è ad un paio di minuti dalla fine del raddoppio. Prendiamo una pentola di Ghisa, come quella della foto accanto. La mia è di 28cm per cui regolatevi di conseguenza con quella che avete in casa

  2. accendete il forno a 250°C e mettete la pentola chiusa col suo coperchio in ghisa in forno
  3. Quando il forno è caldo, togliete la pentola dal forno, aprire il coperchio, mettete dentro il pane, richiudete e infornate la pentola con il pane
    NOTA: nel video vedete che lo scaravolto dentro la pentola e se ci fate caso si sgonfia. Per ovviare questo: prendete un foglio di carta forno, poggiatelo sul pane, rigirate il pane con la carta forno, poi prendete il pane con la carta forno e adagiatelo dentro la pentola calda, chiudete e infornate.
  4. Fate cuocere per 40 minuti, dopo, togliete dal forno la pentola, prendete il pane e mettetelo in una teglia e infornate per altri 10 minuti (potete anche solo semplicemente togliere il coperchio e lasciare cuocere altri 10 minuti senza coperchio)
  5. Sfornate il pane e fatelo raffreddare avvolto con una tovaglia se volete che la crosta si ammorbidisca o su una gratella se volete una crosta che rimane più croccante
  6. Ascoltate il suono del pane nel video 😀
YouTube player

Spero sia gradita
Lucia