Pane fatto in casa

Pane fatto in casa

Pane fatto in casa

Il Pane fatto in casa, chi non sogna di sfornarlo come quello della panetteria profumato e croccante?
Beh, con questa ricetta, se seguite le istruzioni del video passo passo, riuscirete anche con il forno di casa vostra.
Fare il pane è uno delle più antiche forme di amore per il cibo. Impastare con le mani acqua, farina, lievito e sale pochi ingredienti per uno degli alimenti più amati al mondo, gesti semplici tramandati da madre a figlio negli anni.

Il Pane è amore, è famiglia, è condivisione.

Il pane, base di molte merende quando eravamo bambini, chi non ricorda la favolosa fetta di pane bagnato e spolverato con lo zucchero?

Per fare un buone pane fatto in casa quello classico tipo campagnolo iniziamo dalla scelta della farina; vi consiglio una farina di semola Bio, se la prendete al mulino e se macinata a pietra, ancora meglio.
Potete farlo con farine diverse per varie necessità e gusti qui potete seguire la ricetta del pane fatto con la farina di Segale.
Pian piano metterò le altre ricette.

Continuiamo con la scelta del lievito; qui le scelte sono molte, quella più sana è la scelta dell’utilizzo del lievito madre, un po impegnativo e dispendioso perché se lo fate da voi ma non impastate più volte la settimana diventerebbe solo uno spreco di ingredienti, star dietro al lievito madre significa rinnovarlo spesso, toglierne sempre la metà aggiungere altra farina, impastarlo e farlo riposare tenendolo ad una temperatura ottimale perché non si rovini, cosa che qui, dove abito io, in estate è impossibile. C’è chi lo conserva in frigo tra un rinnovo e l’altro allungando cosi il periodo dei rinnovi, ma secondo me si rovina, poi fate voi, Se non abitate in luoghi caldissimi comunque vi consiglio di farvi la pasta madre e utilizzarla per fare il pane, non ci sono paragoni di gusto, digeribilità e leggerezza.

Se non avete il lievito madre potete utilizzare il lievito di birra secco a lenta lievitazione o il lievito di birra a cubetto fresco, si trova nel banco frigo, vi assicuro che vista l’esigua quantità utilizzata non pregiudicherà ne il sapore ne il profumo del pane fatto con questa ricetta e questo metodo.
Nel caso siate allergici o intolleranti al lievito di birra, in commercio vi è il nuovo lievito madre secco,   chi ha avuto questa brillante idea è un genio, non sa a quanta gente ha fatto felice di gustarsi il pane fatto con il lievito madre senza la rottura di star dietro ai rinnovi e sprecare materia prima nel caso si rovinasse a causa delle temperature sbagliate.

Un buon pane ha bisogno di calore mentre viene impastato, cosa c’e di meglio delle vostre mani per trasmettere calore, come facevano le nostre nonne.
Fare il primo impasto come ho fatto io con la macchina del pane. Io lo faccio perché ho un problema alla spalla, ma anche perché la macchina lo impasta, fa le pause, re-impasta ecc. mantenendo l’impasto alla temperatura giusta per ottenere un bellissimo pane ben alveolato.
Se non avete la macchina del pane, dovete impastarlo a lungo, più a lungo impastate, migliore è il risultato, inoltre fate lievitare bene il pane per ottenere un pane come si deve, se non lo fate lievitare bene o non lo impastate a lungo si rischia di ottenere un pane duro oppure gommoso con un alveolatura fitta.

Potete far cuocere il pane nella stessa macchina del pane se volete, ma se volete ottenere il bellissimo pane che vedete in foto con la crosta croccante allora dovete seguire i passi del video e vi spiego come fare:

Ricetta: Pane fatto in casa

Ingredienti:

Attrezzatura:

  • macchina del pane ( se non l’avete potete impastarlo a mano o con un impastatrice e seguire le istruzioni nel video per i tempi della macchina tra impasto e riposo per ottenere lo stesso risultato della macchina)
  • teglia forno
  • pirofila per contenere l’acqua bollente da mettere dentro il forno prima per lievitare e lasciare durante la cottura.

I Segreti :

l’impasto deve essere morbido ma non appiccicoso:

  • se l’impasto si appiccica aggiungete tanta farina quanto serve per non farlo appiccicare alle dita
  • se l’impasto è secco aggiungere dell’acqua pochissima alla volta, meglio se la aggiungete bagnandovi le mani e continuando a impastare, l’acqua delle vostre mani poco per volta gli darà la dose giusta di volta in volta fino a raggiungere la consistenza giusta, un pelino prima di risultare appiccicoso

Ottenere una giusta lievitazione e cottura:

  • fate lievitare almeno 3 ore il pane o anche più dipende dal lievito utilizzato e dall’impasto
  • se lo fate lievitare in una ciotola, e non avete un coperchio che lo chiude come questa che trovate cliccando qui, coprite questa con un canovaccio umido per evitare che la parte superiore della pasta si secchi
  • mettete il contenitore per lievitare in un luogo tiepido lontano di correnti d’aria, vi consiglio il forno con dentro una pirofila piena di acqua bollente
  • per sapere quando è il momento per infornare: dopo aver formato il pane e messo nelle teglie per la lievitazione per sapere quando è pronto per essere infornato un trucco è: prendete una pallina dell’impasto e mettetela in un bicchiere di acqua, i pani invece metteteli come vi ho suggerito sopra a lievitare, quando la pallina sarà salita a galla, togliete le teglie dal forno se lo avete usato per far lievitare il pane, accendetelo a 200/220°C e quando è caldo infornate il pane
  • consiglio la lievitazione dentro al forno perché che sia estate o sia inverno dentro al forno la temperatura non cambierà di molto gestendo meglio la lievitazione.
  • Ogni forno è diverso dall’altro per cui state attenti al vostro, se troppo alta la temperatura lo farà cuocere fuori ma crudo all’interno, se troppo bassa lo farà rimanere umido all’interno, provate per trovare la temperatura giusta per avere un pane asciutto dentro e croccante fuori
  • raffreddate il pane su una griglia se non l’avete mettetelo in diagonale uno appoggiato all’altro e avvolto in una tovaglia
  • se utilizzate la pasta madre state attenti alla lievitazione, se troppo lunga può dare un sapore acido al pane
  • la temperatura dell’acqua: l’acqua deve essere appena più fredda delle mani se più calda o troppo fredda uccide il lievito
  • se per un imprevisto dovete uscire mentre l’impasto sta lievitando, mettete la ciotola o se avete formato già i pani, mettete le teglie coperte con della pellicola, in frigo, questo rallenterà la lievitazione, quando tornate a casa tiratele fuori togliete la pellicola coprite con un panno e aspettate che riprenda la lievitazione prima di infornare o fare i pani per l’ultima lievitazione

Segreto delle Sorelle Simili per un pane perfetto

  • L’impasto deve lievitare in un luogo al buio coperto con un panno.
  • Dopo la cottura deve rimanere per una notte in forno spento, con un pentolino di acqua sul fondo.

 

Aspetto i vostri commenti 😉

Spero sia di vostro gradimento

LoryStef

 

Lascia un commento